GHS Rev.8 (2019) Preview

GHS Rev.8 (2019)

On 18 March 2019, the Committee of Experts on TDG and GHS of the UNECE has published approved amendments to the seventh revised edition of UN GHS purple book. These changes are going to be included in the 8th edition of UN GHS purple book (GHS rev. 8) to be published in July 2019. In this article we will summarize what the main new changes are.

Change of classification criteria for aerosols, hazard communication elements; new provisions for the use of in vitro/ex vivo data and non-test methods to assess skin corrosion and skin irritation; miscellaneous amendments to clarify the classification criteria for Specific Target Organ Toxicity; revised and further rationalized precautionary statements and an editorial revision of Sections 2 and 3 of Annex 3; new examples of precautionary pictograms to convey the precautionary statement “Keep out reach of children”; a new example in Annex 7 addressing labelling of sets or kits; guidance on the identification of dust explosion hazards and the need for risk assessment, prevention, mitigation, and hazard communication.

Add more

Remove the word “European” from the title of the ADR

Remove the word “European” from the title of the ADR

A protocol of amendment to remove the word “European” from the title of the ADR was adopted by a Conference of the Parties to the Agreement on Monday 13 May 2019.

The amendment shall enter into force for all Parties to the Agreement on 1 January 2021.

Add more

Eliminata la parola “Europeo” dal titolo dell’ADR

Eliminata la parola “Europeo” dal titolo dell’ADR (Proposta senza obiezioni)

Working Party on the Transport of Dangerous Goods
104th session Geneva, 15-17 May 2018

Punto 8 dell’ordine del giorno provvisorio – altra attività

Procedura di revisione del titolo di ADR 

1. Nella sua 103a sessione (6-10 Novembre 2017), il gruppo di lavoro ha esaminato la proposta di sopprimere il termine “europeo” dal titolo di ADR.

2. È stato osservato che il termine “europeo” nell’attuale titolo dell’Accordo europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose su strada (ADR) non è conforme alle condizioni per la partecipazione di Stati non europei all’ADR, come, conformemente al suo articolo 6, l’ADR è aperto alla partecipazione degli Stati membri della Commissione economica per l’Europa e degli Stati ammessi alla Commissione a titolo consultivo a norma del paragrafo 8 del mandato della Commissione.

L’ADR è inoltre aperto a quegli Stati che possono partecipare ad alcune attività della Commissione economica per l’Europa conformemente al paragrafo 11 del mandato della Commissione aderendovi dopo la sua entrata in vigore.

3. Non c’erano obiezioni alla proposta.

Il gruppo ha chiesto al segretariato di consultare nuovamente l’ufficio degli affari giuridici del segretariato delle Nazioni Unite sulla procedura da seguire e di presentare una versione aggiornata del documento ECE/TRANS/2010/2 alla 104a sessione.

altro

ADR – Linguistic versions

ADR – Linguistic versions

European Agreement concerning the International Carriage http://www.unece.org/trans/danger/publi/adr/adr_linguistic_e.htmof Dangerous Goods by Road

To consult ADR in Polish:http://dziennikustaw.gov.pl/du/2019/769

To consult ADR in Portuguese: ADR em Português

To consult ADR in Spanish: ADR en Español

To consult ADR and the list of amendments in Swedish: http://www.msb.se/sv/Forebyggande/Farligt-gods/

To consult ADR 2019 in Norwegian: https://www.dsb.no/globalassets/dokumenter/veiledere-handboker-og-informasjonsmateriell/andre-boker/adr-rid-2019-web.pdf

To consult ADR in Romanian: ADR in Romanian

Hazard identification numbers 2019 (Kemler Codes)

Hazard identification numbers 2019 (Kemler Codes)

CHAPTER 5.3 PLACARDING AND MARKING OF CONTAINERS, BULK CONTAINERS, MEGCs, MEMUs, TANK-CONTAINERS, PORTABLE TANKS AND VEHICLES

5.3.2.3 Meaning of hazard identification numbers

5.3.2.3.1 The hazard identification number consists of two or three figures. In general, the figures indicate the

following hazards:

2 Emission of gas due to pressure or to chemical reaction

3 Flammability of liquids (vapours) and gases or self-heating liquid

4 Flammability of solids or self-heating solid

5 Oxidizing (fire-intensifying) effect

6 Toxicity or risk of infection

7 Radioactivity

8 Corrosivity

9 Risk of spontaneous violent reaction

NOTE: The risk of spontaneous violent reaction within the meaning of figure 9 include the possibility following from the nature of a substance of a risk of explosion, disintegration and polymerization reaction following the release of considerable heat or flammable and/or toxic gases.

Doubling of a figure indicates an intensification of that particular hazard.

Where the hazard associated with a substance can be adequately indicated by a single figure, this is followed by zero.

The following combinations of figures, however, have a special meaning: 22, 323, 333, 362, 382, 423, 44, 446, 462, 482, 539, 606, 623, 642, 823, 842, 90 and 99, see 5.3.2.3.2 below.

Add

Codici Kemler ADR 2019 (Numeri di identificazione del pericolo)

Codici Kemler ADR 2019 (Numeri di identificazione del pericolo)

Documento allegato aggiornamento ADR 2019 (IT/EN)

CAPITOLO 5.3
Etichettatura e segnalazione arancio dei contenitori, contenitori per il trasporto alla rinfusa, CGEM, MEMU, contenitori cisterna, cisterne mobili e veicoli

5.3.2.3.
Significato dei numeri d’identificazione del pericolo

5.3.2.3.1.
Il numero di identificazione del pericolo si compone di due o tre cifre. Generalmente le cifre indicano i seguenti pericoli:

2 Emissione di gas risultanti dalla pressione o da una reazione chimica
3 Infiammabilità di materie liquide (vapori) e gas o materia liquida autoriscaldante
4 Infiammabilità di materie solide o materia solida autoriscaldante
5 Comburenza (favorisce l’incendio)
6 Tossicità o pericolo d’infezione
7 Radioattività
8 Corrosività
9 Pericolo di violenta reazione spontanea

NOTA: Il pericolo di violenta reazione spontanea ai sensi della cifra 9 comprende la possibilità derivante dalla natura della materia di un pericolo di esplosione, di disintegrazione e di una reazione di polimerizzazione seguita dallo sviluppo di considerevole calore o di gas infiammabili e/o tossici.

Il raddoppio di una cifra indica un’intensificazione di quel particolare pericolo.

Quando il pericolo di una merce può essere adeguatamente indicato da una sola cifra, tale cifra deve essere completata da uno zero (0).

Le seguenti combinazioni di cifre hanno tuttavia un significato speciale: 22, 323, 333, 362, 382, 423, 44, 446, 462, 482, 539, 606, 623, 642, 823, 842, 90 e 99 (cfr. 5.3.2.3.2 qui di seguito).

Quando il numero d’identificazione del pericolo è preceduto dalla lettera “X”, ciò significa che la materia reagisce pericolosamente con l’acqua. Per tali materie, l’acqua può essere utilizzata solo con l’approvazione di esperti.

Per le materie della classe 1, il codice di classificazione secondo la colonna (3b) della tabella A del capitolo 3.2 sarà utilizzato come numero di identificazione del pericolo. Il codice di classificazione si compone:

– del numero della divisione secondo 2.2.1.1.5, e
– della lettera del gruppo di contabilità secondo 2.2.1.1.6.

In rosso le novità ADR 2019

5.3.2.3.2.
I numeri di identificazione del pericolo indicati nella colonna (20) della Tabella A del capitolo 3.2 hanno il seguente significato:

20 gas asfissiante o che non presenta pericolo sussidiario
22 gas liquefatto refrigerato, asfissiante
223 gas liquefatto refrigerato, infiammabile
225 gas liquefatto refrigerato, comburente (favorisce l’incendio)
23 gas infiammabile
238 gas, infiammabile corrosivo
239 gas infiammabile, che può produrre spontaneamente una reazione violenta
25 gas comburente (favorisce l’incendio)
26 gas tossico
263 gas tossico e infiammabile
265 gas tossico e comburente (favorisce l’incendio)
268 gas tossico e corrosivo

segue

Multilateral Agreement M315

Multilateral Agreement M315

M315 Carriage of waste contaminated with viruses causing haemorrhagic fever

COUNTRY SIGNED REVOKED
Belgium 30/11/2018
Germany 12/12/2018
Switzerland 07/01/2019
Luxembourg 06/02/2019
Netherlands 19/03/2019

Date of expiry: 31 December 2023

Accord multilatéral M315
au titre de la section 1.5.1 de l’annexe A de l’ADR, relatif au transport de déchets contaminés par des virus provoquant une fièvre hémorragique

1. Par dérogation aux prescriptions du chapitre 6.3 et à l’instruction d’emballage P620 du 4.1.4.1, les déchets ayant été contaminés ou soupçonnés d’avoir été contaminés par un virus provoquant une fièvre hémorragique telle qu’Ebola peuvent, pour leur transport vers une installation d’élimination définitive, etre emballés et transportés par route selon les dispositions suivantes:

2. MARCHANDISES DANGEREUSES
Substances infectieuses, affectant les humains Classe 6.2 UN 2814

Cet accorci s’applique à tous les déchets ayant été contaminés ou soupçonnés d’avoir été contaminés par un virus de catégorie A provoquant une fièvre hémorragique qui, en raison de limitations de taille spécifiques ou du risque de contamination, ne peuvent etre placés en toute sécurité dans les emballages P620 actuellement disponibles. Ces déchets présentent un potentiel élevé de contamination du personnel médical et du personnel d’intervention au cours du processus d’emballage.

3. EMBALLAGES
“Les emballages combinés” constitués des composants suivants sont autorisés :
1. Emballage intérieur rigide, faisant office d’emballage primaire: fut plastique 1 H2, qui répond aux exigences du 4.1.1 et 4.1.3 et qui a été testé et certifié au minimum au niveau de performance du groupe d’emballage Il pour les liquides ou solides, selon ce qui est approprié.
(a) Pour les emballages testés pour des solides, suffisamment d’agent gélifiant ou de matériau inerte absorbant approprié sera ajouté dans l’emballage intérieur primaire, pour éliminer la présence de tout liquide libre.
(b) L’emballage primaire sera fermé conformément aux instructions fournies par le fabricant.
(c) Lorsque l’emballage intérieur primaire aura été scellé, la surface extérieure de cet emballage intérieur sera traitée avec un désinfectant approprié pour le virus. Ni l’emballage primaire ni l’emballage secondaire ne seront affectés négativement ni affaiblis structurellement par le désinfectant.

add

Multilateral Agreement M317

Multilateral Agreement M317: Medical waste of Category A

This multilateral agreement is seeking a derogation from the provisions of ADR relating to the transport of solid medical or clinical waste of Category A transported for disposal. It seeks the to introduce the provisions for such waste which have been developed and agreed to by the UN Sub-Committee of Experts for the Transport of Dangerous Goods for incorporation into the UN Model Regulations Rev.21.

The multilateral agreement specifies that such waste may be carried under UN 3549 MEDICAL WASTE, CATEGORY A, AFFECTING HUMANS, solid or MEDICAL WASTE, CATEGORY A, AFFECTING ANIMALS only, solid under the provisions defined/stated in items/paragraphs (2) to (7) within MLA317.

COUNTRY SIGNED REVOKED
United Kingdom 11/03/2019
Sweden 29/03/2019

Date of expiry: 31 December 2020

Multilateral Agreement M317 Under section 1.5.1 of ADR Concerning the carriage of solid medical or clinical waste, Category A

(1) By derogation from the provisions of ADR, solid medical or clinical waste, Category A transported for disposal may be carried under UN 3549 under the provisions defined/stated in items/paragraphs (2) to (7) as follows: (2) It is carried by using the following UN number, Proper Shipping Name and Class assignment:

UN No Name and description   Class
3549 MEDICAL WASTE, CATEGORY A, AFFECTING HUMANS, solid or
MEDICAL WASTE, CATEGORY A, AFFECTING ANIMALS only, solid
6.2

(3) Assignment of Category A solid medical waste transported for disposal shall be done according to the following classification principles:

3.1 Medical or clinical wastes are wastes derived from the veterinary treatment of animals, the medical treatment of humans or from bio-research.

3.2 Medical or clinical waste containing Category A infectious substances shall be assigned to UN 2814, UN 2900 or UN 3549 as appropriate. Solid medical waste containing Category A infectious substances generated from the medical treatment of humans or veterinary treatment of animals may be assigned to UN 3549. The UN 3549 entry shall not be used for waste from bio-research or liquid waste.

3.3 Category B infectious substances shall be assigned to UN 3291.

(4) The solid medical waste shall be packed in conformity with the packing provisions in annex I or II.

(5) The requirements of Chapter 6.1 and 6.6 for the construction and testing of packagings and large packagings apply.

(6) The following statement shall be included in the transport document: “Carriage agreed according to section 1.5.1 of ADR (M317)”.

(7) This agreement shall be valid until 31 December 2020 for the carriage on the territories of those ADR Contracting Parties signatory to this agreement. If it is revoked before then by one of the signatories, it shall remain valid until the above-mentioned date only on the territories of those Contracting Parties signatory to this Agreement which have not revoked it.

Add More

Modifica DS 188: Batterie al litio per lo smaltimento

Parte 3 – lista delle merci pericolose, disposizioni speciali ed esenzioni relative a quantità limitate e quantità esenti capitolo

3.3 – Disposizioni speciali applicabili ad alcune materie od oggetti 3.3.1. Nel presente capitolo si trovano le disposizioni speciali corrispondenti ai numeri indicati nella colonna della Tabella A del capitolo 3.2, con riferimento a materie od oggetti ai quali si applicano queste disposizioni. Quando una disposizione speciale comprende una prescrizione in materia di marcatura degli imballaggi, si applicano le disposizioni dei commi a) e b) del 5.2.1.2.

Se il marchio è oggetto di una particolare formulazione tra virgolette, come ” BATTERIE AL LITIO PER LO SMALTIMENTO”,  la dimensione minima del marchio è di 12 mm, se non diversamente specificato nella disposizione speciale o altrove nell’ADR.

188 Le pile e gli accumulatori (batterie) presentati al trasporto non sono sottoposti alle altre prescrizioni dell’ADR se soddisfano le seguenti condizioni:

a) per una pila al litio metallo o di lega al litio, il contenuto di litio non è superiore a 1 grammo e, per una pila agli ioni di litio, l’energia nominale in wattora non deve superare i 20 Wh

b) per una batteria al litio metallo o di lega al litio, il contenuto totale di litio non è superiore a 2 grammi e per una batteria agli ioni di litio l’energia nominale in wattora non deve superare i 100 Wh. Nel caso di batterie al litio ionico che soddisfano tale disposizione, l’energia nominale in wattora deve essere riportata sul rivestimento esterno, a eccezione di quelle fabbricate prima del 1° gennaio 2009;

NOTA: quando le batterie al litio conformi al 2.2.9.1.7 (f) sono trasportate in conformità con questa disposizione speciale, il contenuto totale di litio di tutte le celle di metallo al litio contenute nella batteria non deve superare 1,5 g e la capacità totale di tutto il litio le celle di ioni contenute nella batteria non devono eccedere 10 Wh (vedere disposizione speciale 387).

 c) ogni pila o batteria soddisfa le disposizioni del 2.2.9.1.7 (a), (e), (f) e se applicabile (g);

 d) le pile e le batterie, a meno che non siano installate in un equipaggiamento, devono essere poste in imballaggi interni che le avvolgono completamente. Le pile e le batterie devono essere protette in modo da evitare cortocircuiti. In questo senso s’intende proteggerle dal contatto con materiale elettricamente conduttivo, contenuti all’interno dello stesso imballaggio, che potrebbero causare dei cortocircuiti. Gli imballaggi interni devono essere imballati in imballaggi esterni solidi e conformi alle disposizioni del 4.1.1.1, 4.1.1.2 e 4.1.1.5;

e) le pile e le batterie, installate in equipaggiamenti, devono essere protette da danneggiamenti e cortocircuiti, e l’equipaggiamento deve essere provvisto di mezzi efficaci in modo da impedire ogni funzionamento accidentale. Questa prescrizione non si applica ai dispositivi intenzionalmente attivi durante il trasporto (trasmettitori di identificazione radio, orologi, sensori, ecc.) e non suscettibili di generare uno sviluppo pericoloso di calore. Nel caso di batterie installate in un equipaggiamento, quest’ultimo deve essere posto in imballaggi esterni solidi, costruiti con materiali appropriati e aventi resistenza e progettazione adatte alla capacità dell’imballaggio e all’uso previsto, a meno che una protezione equivalente della batteria non sia assicurata dall’equipaggiamento nel quale è contenuta;

f) ogni collo deve recare il marchio di pila al litio appropriato, come indicato nel 5.2.1.9. Tale prescrizione non si applica:
i) ai colli contenenti solo batterie bottoni montate all’interno di un equipaggiamento (compresi i circuiti stampati);
ii) e ai colli contenenti non più di 4 pile o 2 batterie montate all’interno di un equipaggiamento, quando la spedizione non comporta più di due colli.
Quando i colli sono collocati in un sovrimballaggio, il contrassegno della batteria al litio deve essere chiaramente visibile o riprodotto all’esterno del sovrimballaggio e il sovrimballaggio deve essere contrassegnato con la scritta “OVERPACK”. La scritta del marchio “OVERPACK” deve avere un’altezza di almeno 12 mm.

“NOTA: Confezioni contenenti batterie al litio imballate in conformità alle disposizioni della Parte 4, Capitolo 11, istruzioni di imballaggio 965 o 968, Sezione IB delle Istruzioni tecniche ICAO recanti il marchio come mostrato in 5.2.1.9 (marchio batteria al litio) e il l’etichetta di cui al punto 5.2.2.2.2, modello n. 9A è considerata conforme alle disposizioni di questa disposizione speciale. “

g) a meno che le batterie non siano montate all’interno di un equipaggiamento, ciascun collo deve poter resistere ad una prova di caduta da un’altezza di 1,2 m, qualunque sia il suo orientamento, senza che le pile o le batterie che esso contiene siano danneggiate, senza che il suo contenuto sia spostato a tal punto che le batterie (o le pile) si tocchino, e senza che vi sia fuoriuscita del contenuto; e

h) a meno che le batterie non siano montate all’interno di un equipaggiamento o imballate con un equipaggiamento, i colli non possono superare una massa lorda di 30 kg. Come usato in questa disposizione speciale, “equipaggiamento” indica un apparecchio per il quale le batterie al litio o le batterie forniranno energia elettrica per il suo funzionamento Come sopra ed altrove nell’ADR, con “contenuto di litio” si intende la massa di litio presente nell’anodo di una pila al litio metallo o di lega al litio.

Esistono rubriche distinte per le batterie al litio metallico e per le batterie al litio ionico in modo da facilitare il trasporto di tali batterie per modi di trasporto specifici e per permettere l’esecuzione delle operazioni d’intervento in caso d’incidente.

Una batteria a una sola pila così come definita nella sottosezione 38.3.2.3 della terza parte del Manuale delle prove e dei criteri è considerata come una “pila” e deve essere trasportata secondo le esigenze delle “pile” nell’ambito della presente disposizione speciale.

Maggiori info